Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il sito utilizza dei cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l'uso dei cookies.

Garda Trentino, destinazione turistica eccellente da valorizzare con infrastrutture adeguate

09/10/2018

Garda Trentino

Nuova importante tappa del mio viaggio nei territori del Trentino come candidato della Lega Salvini Trentino alle elezioni provinciali del prossimo 21 ottobre


Ieri a Riva del Garda – nell’ambito Garda Trentino – ho incontrato diversi imprenditori turistici ed albergatori. Nelle due ore e più passate con loro, ospiti da un collega nel suo albergo, ho esposto la mia idea di turismo ed ho soprattutto ascoltate le loro proposte e riflessioni.
Abbiamo toccato tanti temi importanti sui quali vorrei soffermare la vostra attenzione.

Tassa di soggiorno

I colleghi imprenditori hanno sottolineato la loro netta contrarietà alla sottrazione – tale è di fatto – che la Provincia applica ad una quota importante delle entrate derivanti dalla tassa di soggiorno prodotta nell’ambito. Una tassa che è stata accettata fra molti dubbi e perplessità ma che così come è distribuita dalla Provincia non è accettabile.

Le entrate che essa determina sono il frutto del lavoro svolto dalle imprese e gli enti dell’ambito e sono una risorsa importante che viene immesso nelle attività delle Aziende per il Turismo per promuovere il proprio territorio.

L’importanza strategica dell’economia turistica e della sua filiera

Siamo stati tutti concordi nel ribadire con forza che i dati ufficiali raccontano una storia che non dà merito alla realtà dei fatti: il contributo dato dal Turismo al Pil provinciale è ben superiore all’11%. La filiera dell’Economia Turistica è fatta di tante e diverse aziende e di settori diversi che lavorano anche grazie all’attività che produciamo noi come imprese turistiche: imprese artigiane, industriali, dei servizi, dell’agricoltura  e del Terziario in genere.

È pertanto necessario iniziare a misurare la ricchezza prodotta dal Turismo in Trentino non solo col il dato delle presenze secondo una stanca, logora liturgia che si ripete al termine di ogni stagione turistica.
È ora di adottare criteri e sistemi di rilevazione che ci indichino la ricchezza effettivamente prodotta da tali presenze turistiche, da cui deriva l’effettiva capacità delle imprese del Sistema Turismo e sua filiera di sostenersi e mantenere il proprio equilibrio economico e finanziario.


L’importanza strategica delle destinazioni eccellenti nel trainare economia turistica e marca Trentino

I colleghi hanno sottolineato che le località eccellenti – quali ad esempio Madonna di Campiglio e l’Alto Garda – sono sempre viste con sospetto da Trento, perché ritenute aree turisticamente ricche che non necessitano di supporto in quanto bastano a sé stesse.

A parte che questo non è così vero in quanto non sono solo le presenze che contano, ma la qualità e la capacità di spesa degli ospiti: quindi non solo la qualità ambientale ma la capacità di offrire un prodotto turistico complessivo di eccellenza. Ma non solo.

Infrastrutture e viabilità

Per un prodotto turistico d’eccellenza servono qualità, quantità, differenziazione di offerta delle infrastrutture. Qualche esempio:
viabilità adeguata  ed in tempi certi perché l’Alto Garda soffre molto il traffico che é di punta per molta parte dell’anno, finalmente un campo da golf, una eccellente manutenzione delle passeggiate e dei sentieri non in quota, un Parco Acquatico di cui esiste peraltro già la previsione urbanistica, una soluzione per l’istituzione di società locali rispetto al modello Navigarda (di cui peraltro le Categorie locali stanno sviluppando un apposito dossier).
Interessante sentire anche da colleghi la visione di medio periodo del turismo e dei futuri turisti, ad esempio i giovani che non compreranno più auto. Ed ecco che in una visione finalmente che guardi anche gli anni a venire, diventa strategico un collegamento ferroviario per l’Alto Garda.

Appartamenti ad uso turistico

Da parte poi dei colleghi albergatori non poteva mancare un accenno a tutta la problematica che riguarda la concorrenza degli appartamenti ad uso turistico che operano spesso fuori da ogni controllo. Mi ha colpito la maturità e l’intelligenza del pensiero che è stato espresso dai più: il turismo in appartamento è un fenomeno in notevole crescita che non va demonizzato, semmai regolamentato con appositi provvedimenti provinciali e comunali. Così come tutto il settore extra-alberghiero di cui gli appartamenti rappresentano e rappresenteranno sempre più una quota significativa: va valorizzato perché può contribuire significativamente alla ricchezza prodotta dal Sistema Turismo o meglio dall’Economia Turistica del Trentino. 

Interessante poi la proposta avanzata da parte degli esponenti del Commercio presenti: la necessità di un progetto per mettere a sistema i mercatini di Natale per farne una rete coordinata nel Trentino. E questa mi é parsa un’ottima idea da attuare subito. 




Spunti per la prossima agenda di Governo Provinciale per l’Economia Turistica dell’Alto Garda e per il nostro Trentino 

Dalle comuni riflessioni emerge un quadro chiaro di alcuni temi per il Garda Trentino – certamente non tutti  – che meritano di trovare un posto importante nell’agenda di politica amministrativa del prossimo governo provinciale. Essi toccano infatti aspetti che riguardano tutto il nostro Trentino turistico.

Certamente non presumo di poter riassumere qui molti altri temi emersi e quelli che emergeranno se avrò occasione di nuovi incontri nella “Busa”. Tuttavia, alla luce di quanto ho dibattuto con i colleghi e trovandomi in perfetta sintonia con loro ,  credo che alcune delle parole chiave su cui dobbiamo guardare al futuro della nostra economia turistica possano essere così riassunte:

Tassa di Soggiorno: le entrate derivanti da tale tributo devono rimanere in misura rilevante nel territorio in cui sono prodotte, a disposizione delle Apt per finanziare le loro attività su prodotto e promozione.

Destinazioni eccellenti del Trentino: sono un traino per la Marca Trentino, concorrono in maniera determinare a produrre valore aggiunto al Pil del Trentino grazie alla filiera che contribuiscono ad alimentare in settori diversi. Non vanno quindi guardate dal Governo Provinciale come territori ricchi capaci di “arrangiarsi”; piuttosto sono destinazioni turistiche che proprio per il prestigio per la Marca, che per il notevole afflusso di ospiti, necessitano particolarmente di interventi su infrastrutture, viabilità, servizi.

L’importanza strategica dell’economia turistica e della sua filiera:
Non c’è la sufficienza consapevolezza che Turismo significa Economia Turistica capace di alimentareuna filiera fatti di industrie, artigiani, imprese dei Servizi e del Terziario. Il prossimo Governo Provinciale sia quindi più sensibile dei precedenti riguardo a quanto l’Economia Turistica determina effettivamente la ricchezza del Trentino, anche quella che giunge sino al singolo cittadino trentino.

Snodi Viabilità ed Infrastrutture: importante accelerare la soluzione di migliori collegamenti, pensare seriamente ad un collegamento ferroviario, far sì che la Provincia per quanto le compete attui con gli enti locali un piano di miglioramento, ampliamento e potenziamento delle infrastrutture che insieme a questo stupendo territorio ed il suo ambiente facciano crescere la qualità del complessivo prodotto turistico dell’Alto Garda e quindi del Trentino. 

DATEMI LA VOSTRA FIDUCIA CON IL VOSTRO VOTO ED IO SU QUESTI TEMI CI METTERÒ TUTTO IL MIO IMPEGNO! 

Condividi questo articolo, segui la mia pagina Facebook e scegli il cambiamento con il tuo voto